• LinkedIn
  • Join Us on Google Plus!
  • Subcribe to Our RSS Feed

IN CHE TEMPO SIAMO OGGI SECONDO LE PROFEZIE?

domenica 5 febbraio 2012

MITRAISMO E CRISTIANITA': IL PERFETTO CONNUBIO DELL'APOSTASIA




Libri come questo raffigurato nell'immagine sopra ci fanno comprendere come nel corso dei secoli una "antica tradizione religiosa misterica", pervenutaci attraverso i secoli sotto molti altri nomi e vestiti, si sia poi propagata anche attraverso l'ebraismo teologico e mistico "farisaico  esegetico" e la cristianità teologica e mistica "corrotta e apostata" nata dopo la morte del Messia e degli Apostoli.

Sappiamo bene che queste spiegazioni sono spesso confuse e mixate da molti, che non hanno nemmeno mai letto e compreso la storia Biblica, con altre spiegazioni e conclusioni che non hanno proprio NULLA di scientifico, logico e soprattutto Biblico, creando così un'accozzaglia di teorie che inneggiano alla falsità Biblica e tantopiù all'INESISTENZA di un Messia e del Suo Padre Il Creatore.

Al contrario gli uomini giusti di buona volontà, non corrotti o schiavi delle antiche tradizioni religiose pagane con i loro simboli magici, sanno riconoscere e ammettere l'esistenza di una FALSA RELIGIONE MONDIALE che poggia le proprie fondamenta sui culti misterici, esoterici e alchemici tramandati dalla notte dei tempi fin dai Sumeri.

Da questo connubio nasce anche la Cristianità in generale (anche se bisogna fare delle distinzioni su alcuni gruppi, così come anche tra gli appartenenti all'Ebraismo) e di cui in questo caso vedremo le collusioni con la religione più famosa prima della caduta dell'Impero Romano.
 

IL MITRAISMO





CHE COSA ERA IL MITRAISMO? 

Il mitraismo era una religione misterica che aveva coinvolto tutto l'Impero, dalla Britannia all'Africa molti secoli fa. 

Mitra era il dio della luce. Noto presso i romani col nome di "Mithra" che nel sincretismo tipico del tempo, fonde la figura del "Solis Invictus" con quella del dio Mitra, il vincitore epico del sole. 
Mitra era uno degli dèi della religione persiana di Zoroastro, e la festa di Mitra si celebrava il 25 dicembre, presunto compleanno del dio. I saturnali romani, festa che prendeva nome dal dio romano Saturno, avevano assorbito la festa di Mitra, e duravano diversi giorni.


I FESTEGGIAMENTI
 
In quel periodo, ci viene narrato che nei rituali religiosi riguardanti Mitra si abbandonava ogni ritegno. Il gioco d'azzardo, che in altri periodi era vietato, diveniva legale, scorrevano fiumi di vino e abbondanti libagioni. Le scuole, i pubblici esercizi e i tribunali erano chiusi. La storia dichiara inoltre che le case erano ornate di piante sempreverdi e le famiglie festeggiavano riunendosi in epocali gozzoviglie. 
Gli uomini mettevano via le toghe per indossare abiti più colorati. Familiari e amici si scambiavano regali. Pertanto il Natale è la versione moderna delle feste celebrate per adorare i falsi dèi pagani Mitra e Saturno.
 

L'INFLUENZA DEI
RITUALI BABILONESI 


Il culto Persiano di Mitra rivela l'inconfondibile influenza dei misteri ritualistici babilonesi; e se si ricorda quale grado d'importanza acquistarono fra i Romani i misteri connessi con questo culto, si aggiungerà un altro anello che collega le ramificazioni della cultura antica alla civiltà Mesopotamica. 
La forte aggiunta di elementi che si ritrovano sia nella mitologia greca che nei culti greci è ora ammessa dagli studiosi della Cristianità in maniera così palese da non richiedere ulteriore commento. Questi elementi compenetrati nelle religioni mediterranee sono in gran parte più specificamente babilonesi.
 

RITUALI DERIVANTI DAL CULTO DI MITRA 


È ORMAI RISAPUTO ED EVIDENTE che molte tradizioni e diversi rituali ritenuti propri del cristianesimo praticato oggi da milioni di persone siano in realtà di origine pagana, e più esattamente derivanti dal culto di Mitra. 

Tra le tante religioni misteriche degli antichi, il culto di Mitra, dio connesso con il sole, conobbe il massimo splendore nei primi secoli dell'èra volgare nell'area dell'impero romano.
Per esempio, nell'altare in pietra all'interno di una catacomba dedicata a Mitra, è scritto dei personaggi che vi sono raffigurati: "Il dio con il toro è fiancheggiato da due giovani con fiaccole accese, l'uno indica verso l'alto e l'altro verso il basso. Vengono chiamati Cauto e Cautopates."

 

IL CULTO DI MITRA E IL DIO TRINO
 
Nel tardo culto di Mitra compare il 'triplice dio', in cui
Insieme al dio Mitra formano per i credenti una Trinità di dèi uguali, e l'analogia con la Trinità della cristianità è PALESE. Questo dio del sole viene inoltre raffigurato adorno di un'aureola. Ricordo che essa compare nelle raffigurazioni sacre definite 'cristiane', quindi anche in questo caso la similitudine è piuttosto evidente. 


COSTANTINO E IL MITRAISMO
 
Come riferiscono gli storici, dopo un periodo di grande splendore, il culto del dio Mitra si fuse con il cristianesimo, che l'imperatore Costantino all'inizio del IV secolo innalzò a religione dell'impero. A quel tempo, c'erano ancora molti praticanti della religione mitraica. Cosa fece Costantino per indurre tutti i suoi sudditi ad adeguarsi alla religione che avrebbe dovuto "tenere unito l'Impero"? 

Nonostante il fatto che l'imperatore stesso fosse seguace del culto Mitraico del sole (fu battezzato, e nello stesso tempo gli fù data la sacra unzione, soltanto sul letto di morte), egli decise che il cristianesimo dovesse essere la religione di tutti i cittadini dell'impero.
 
Per rendere accettabile la nuova religione anche ai seguaci di Mitra egli dichiarò la domenica giorno di festa in tutto l'Impero. Un'altra decisione imperiale avrebbe dovuto avvicinare cristiani e mitraisti: il giorno della nascita del Cristo venne fissato nello stesso giorno della nascita di Mitra. (Nell'anno 354 viene citato per la prima volta il 25 dicembre come data di questo evento). Sino ad allora i primi cristiani non avevano mai festeggiato il Natale!
 
Per questo motivo il Dizionario Ecclesiastico della U.T.E.T. dice: "Riguardo al giorno e al mese di questa nascita [di Gesù] i Vangeli sono muti . . . l'introduzione nella liturgia del 25/12 come festa della Natività di Cristo non sarebbe avvenuta che in vista di apporre una festa cristiana alla festa pagana della nascita di Mitra (solis invictus) celebrata il 25/12 nel paganesimo del sec. III e IV". - Vol. II, p. 1102. 


ALTRE ANALOGIE CON MITRA

In vari libri storici è stato scritto sulle vere origini del Natale, la festa celebrata il 25 dicembre dalla cristianità in onore di Cristo. A conferma delle sue origini pagane, la storia spiega che: "Si riconosce generalmente che la datazione della nascita di Cristo al 25 dicembre, il giorno del solstizio d'inverno, appare per la prima volta nel calendario liturgico romano in epoca tarda, soltanto ai principi del IV secolo..."
 
I seguaci della cristianità del IV secolo compirono un ulteriore passo in avanti nel lungo processo di digestione dei componenti mitologici pagani, nei riguardi dei quali ai metodi repressivi e violenti si andò sostituendo la via facile dell'adattamento e della riutilizzazione all'interno della nuova religione imperiale romana (apostata).
 
Il 25 dicembre il mondo mediterraneo celebrava la natività del Sole Invitto, il dies Natalis solis invicti, una divinità palmirena, propriamente il Signore (Baal) solare, che l'imperatore Aureliano, nel III secolo, aveva introdotto nel culto imperiale. Il Sole Invitto non è soltanto il nume eminente dell'apoteosi imperiale, rappresentato come volto circondato da un disco radiante, ma è proprio il momento della vittoria cosmica della luce sulle tenebre, anche con significati etici. Ecco perché subito, nelle esegesi patristiche e nella liturgia, i termini che appartenevano probabilmente al rituale pagano vengono ascritti alla figura del Cristo, come la "grotta" e la stretta connessione con l'adorazione del dio Mitra solare.
 
Oltre ai suoi legami col culto del Sole Invitto, è pure indicato che la festa del Natale è in stretta connessione con l'adorazione del dio Mitra. Come prosegue l'informazione storica, il 25 dicembre era divenuto, per questo processo di fusione, anche la grande celebrazione della nascita e della vittoria di Mitra, che nasce dalla pietra e che si rivela in una grotta. La grotta del Gesù bambino, così cara alla tradizione iconografica, è una tarda invenzione, poiché nessuno dei passi evangelici che narrano la sua nascita e l'arrivo dei Magi, ne parlano. I vangeli dicono che egli nacque in una stalla di Betleem e non in una grotta!
 
La mitologia della grotta apparirà soltanto con alcuni apocrifi gnostici cristiani, dal V secolo in poi, ed è legittimo pensare che essa deriva dalla larga diffusione mediterranea del tema di connessione fra dio Mitra e caverna, e dal concetto misterico della scienza arcana.

Ma questa è un'altra storia che racconteremo.
















CREDITI A: ENZO 
per la sua ricerca