• LinkedIn
  • Join Us on Google Plus!
  • Subcribe to Our RSS Feed

IN CHE TEMPO SIAMO OGGI SECONDO LE PROFEZIE?

sabato 8 ottobre 2011

L'ANTIMESSYAH: IL SUPERUMANO 666



I discepoli poi domandarono a Yahushua il senso della parabola. Egli disse: "A VOI Eloah fà conoscere apertamente i misteri del Suo Regno; ma agli altri li fa conoscere solo in parabole". Perchè come dice la Bibbia:

guardano, ma non vedono
ascoltano, ma non capiscono








1 commenti:

Zavagabond ha detto...

La frase finale è tratta da Nietzsche, credo.
Così come i versi dello zigote-staminale-divinizzato, sono "poesia" del bugiardo: bella ma fondamentalmente falsa (quindi fatale per chi la segue).

Un famoso episodio pubblico della pazzia di Nietzsche fù quello di Torino dove si mise ad abbracciare un cavallo da tiro impuntato preso a frustate dal conducente, urlando e cadendo in delirio.

Il grande filosofo strenuato dai suoi ultimi sforzi intellettuali, non riusciva a spiegarsi intimamente,spiritualmente, il senso del male e della violenza.
Si, razionalmente si, infatti produsse molti libri a riguardo, tuttavia non riusciva a mentire a sè stesso,al suo stesso cuore, e così dai e dai, per coerenza con ciò su cui aveva fondato la sua fede, cioè il 666pensiero, impazzì del tutto .

Non volle credere all'assurda sfida con cui follemente il bugiardo ha voluto provare Eloah... cioè che attaverso il male e la violenza si può diventare Iddio.

Ma chi fonda la propria Sapienza sulla parola di Eloah, e la mette in pratica, non sarà mai smosso dalla vita.
Ma Eloah si rivela ai piccoli e non ai grandi secondo gli uomini.
Perchè gli ultimi di questo sistema sono grandi per Lui, se no non li avrebbe scelti...

Così osservando la lettera agli Ebrei capitolo undici, noi abbiamo ben più di energumeni mascherati in calzamaglia che si credono dèi, ma uomini e donne chiamati a servire, nonostante i loro difetti, il progetto divino di SALVEZZA dell'umanità: la missione Yahshua.
Questi sì che sono Eroi, secondo l'esempio del Primo degli eroi.

Ciò è un atto VOLONTARIO.
TU, che FAI ?